logo nativi.org


Cerca

giovedì, 29 ottobre '20

Romani in America

le altre news

link Appuntamento..
link Leggenda TupÍ..
link Squaw E Vita Familia..
link L'energia Sporca Del..
link Dossier Indiani D'am..
link L' Ovest..
link Kickapoo, Quelli Che..
link Usa, Le Tribù Indian..
link Il Discorso Di Tecum..
link Cavallo Alto Innamor..
link Il Discorso Di Russe..
link Caccia Al Bisonte: L..
link Non Cè Verità E Cono..
link Massacro Del Pueblo ..
link Mother Earth Wild So..
link La Colonizzazione Sc..
link Antichi Rituali (anc..
link Elezioni Tra I Navaj..
link Il Documentario Val..
link Testimonianze..
link New Native Photograp..
link Educazione Dei Bambi..
link Energia Solare: I Na..
link Lo Scheletro Che Cad..
link I Petroglifi E I Pit..
link L'uomo Del Ghiaccio ..
link La Mappa Di Harris..
link All'ombra Della Frec..
link Leggende E Verità Su..
link Il Primo Uomo Bianco..
link Abbattendo Alberi Ed..
link Popolazioni Tribali:..
link Il Totem..
link Storia Di Un Genocid..
link Kickapoo, Quelli Che..
link Nativi Americani Pe..
link Il Grande Spirito Pa..
link Giornata Internazion..
link Www.wakanlives.too.i..
link Obama Dice No All’es..
link Strutture Sociali E ..
link Violenze Sui Bambini..
link I Cowboys (continua..
link Orribile Distruzione..
link La Danza ..
link Petrolio L' Ultima R..
link La Devil Tower (torr..
link I Pellerossa Chiedon..
link Piante Nordamericane..
link L'intatta Originalit..
link Sarah Winnemucca La ..
link Tashunka Witko-lo St..
link Gli Indiani Hopi In ..
link Le Insegne Cerimonia..
link Lingua Cherokee (tsa..
link Riflessione:..
link Buon 2013..
link I Teschi Di Cristall..
link Il Traffico Di Droga..
link Le Quattro Streghe (..
link Doe: 6,5 Mln Di Doll..
link Lo Scorpion Tree E L..
link L’onu In Difesa Dei ..
link I Sioux Sul Piede Di..
link La Leggenda Delle Fr..
link I Navaho Avviano Una..
link Johnny Cash, Pressio..
link Il Caso Pocahontas..
link La Guerra E Il Codic..
link Un Esempio Contrario..
link Oh, Fate Che Il Mio ..
link Gli Indiani D'americ..
link Il Serpente Infinito..
link Il Lacrosse..
link La Leggenda Dell' Au..
link Wa Tho Huch, Forse I..
link A Proposito Di Micha..
link Gli Indiani D'americ..
link Google E Gli Indiani..
link Idle No More: Ecco L..
link Origini..
link Corona Di Penne Dei ..
link Wendigo, Il Cannibal..
link -non Desideriamo Dis..
link Le Sette Cerimonie S..
link I Bambini Si Allenan..
link Una Lettera Ojibwa S..
link Buon 2004 A Tutti!..
link Cambio Al Vertice Su..
link Sitanka Wokiksuye..
link L'isola Della Tartar..
link Vento Frusciante, L'..
link Dal Popolo Degli Hop..
link Piangere Per Un Sogn..
link La Vita E La Morte (..
link Il Pane Dei Nativi D..
link Migliaia Di Lingue I..
link I Villaggi Degli Ind..
link Kaskaskia..
link Il Raid Di Chatto..
link La Donna Tolowa E L'..
link Antichi Egizi Nel Gr..
link Nella Crociata Antif..
link Epilogo....
link Nativi Americani (hu..
link Gli Occhi Di Un Guer..
link Come Trovare Il Prop..
link La Costruzione Della..
link L'origine Del Tabacc..
link The Vanishing Americ..
link Edward Sheriff Curti..
link La Leggenda Del Tarl..
link Principali Spiriti L..
link Le Grandi Pianure:ce..
link Indiani D'america -..
link Linee Diritte..
link Auguri!!!..
link I Kachina E I Loro S..
link Manifestazione Aica..
link La Strage Di Sand Cr..
link Great Comanche War T..
link Le Più Antiche Tracc..
link La Via Dell'oregon..
link Risoluzione Grand Co..
link Leggenda KayapÒ..
link Montana, L' Ultima G..
link Nativi Americani All..
link Ciao..
link Non è Vero:..
link Per La Liberazione D..
link Genetica, Nature: “l..
link Monete Con Soggetto ..
link Ritornano Gli Indian..
link Il Caso Degli Osoyoo..
link Amotken Dio Dei Seli..
link La Famiglia Sioux..
link I Cowboys (terza Pa..
link Gli Indiani E L'astr..
link Non Chiamateci Più S..
link L'insostenibile (per..
link Black Hills: Finalme..
link I Paiute Nel Mondo D..
link Piangere Per Una Vis..
link Nativi Americani: Un..
link Leggenda Masai..
link 50.000 Dollari Per S..
link Noi Eravamo Il Popol..
link Il Racconto Irochese..
link Nativi Americani Del..
link Mostra Navajo - Hopi..
link Il Canada Chiede Scu..
link L'isola Sta Scompare..
link Il Rapimento Di Auro..
link Ancora Su "il Destin..
link Rinnovare Un Desider..
link L' Uccisione Di Un O..
link Simboli Semplici - I..
link I Cowboys: Nascita E..
link Scambi Che Aprono Nu..
link Barack Obama Cambia ..
link La Saggezza Della Ve..
link E' Morta W. Mankille..
link Ragazzo Coniglio..
link Doe: Più Energia Rin..
link Indoamerica - Archeo..
link Antica Moneta-amulet..
link Arizona - Nativi Ame..
link Leonard Peltier : Un..
link La Pista Della Vende..
link Benvenuti Nel Nuovo ..
link La Creazione Della T..
link Miguel Muzquiz - La ..
link Il Discorso Di Orso ..
link Pellirosse (indiani ..
link La Prima Beata Nativ..
link Come Fu Spazzato Via..
link Capo Giuseppe. In Oc..
link L'acero..
link Un Guerriero Apache ..
link Arte Nativa..
link L'uccello Del Tuono..
link Fiabe E Leggende..
link Un Mondo Dentro..
link Canada: Forti E Diff..
link La Fine Del Mondo Se..
link L'altare Domestico..
link La Guerra Di Falco N..
link Gli Usa Risarciranno..
link Angakoq (esquimo)..
link I Bambini E I Ragazz..
link Miti E Leggende Inui..
link Giustizia. Indiani D..
link I Teschi Di Bisonte..
link Noam Chomsky - Gli I..
link I Nativi Americani C..
link I Vichinghi Portaron..
link Frasi E Proverbi Dei..
link Querechos E Teyas..
link Nuovi Dettagli Inedi..
link Gli Indiani Delle Mi..
link Le Sacre Danze Degli..
link La Leggenda Della Lu..
link Clamoroso Negli Usa:..
link La Lavorazione Della..
link Amore E Matrimonio..
link Le Piu' Importanti T..
link Intascavano Fondi De..
link Indiani D'america Sc..
link Il Cuore Del Mondo..
link Little Big Horn Racc..
link La Scomparsa Dei Buf..
link Basta!..
link Calendari E Calcolo ..
link I Progetti Democrati..
link Festa Della Donna, M..
link Il Mistero Del Meteo..
link Coyote Ed Il Wasichu..
link Apache Kid..
link Il Peyote..
link Canada, L'altra Marc..
link Rebrand The Buck, I ..
link Indiani Bianchi E Bi..
link Presidenziali Americ..
link Guida Ai Gioielli In..
link I Cowboys (la Concl..
link Una Confessione E Un..
link Native American Post..
link Un Cavallo Di Nebbia..
link Cosa Vedi Quì, Amico..
link Gli Unktehi..
link I Felici Territori D..
link Ossa E Sogni..
link I Simboli Della Terr..
link Mostra Sui Nativi (s..
link Attacco Ad Uno Zatte..
link Usa - Giornata Nazi..
link Civilta' Perdute E R..
link La Spedizione De Sot..
link Gli Indigeni Che Non..
link Farfalle (papago)..
link Antropologia Del Sac..
link Una Coperta Cheyenne..
link American Spirit, Gli..
link Off Topic ( Ma Non P..
link Riflessioni Su Mondi..
link Wounded Knee..
link Crudeltà Degli Spagn..
link Il Tradizionale Cicl..
link Il Grande Spirito Ch..
link Avviso...
link Nuova Magià Indiana..
link La Società Senza Sta..
link Tessuti Ed Abiti Dei..
link Leggenda Del Bufalo ..
link Il Lupo..
link Earth Day 2008..
link Free Leonard 2004..
link L' Indiano..
link La Sacra Pipa..
link Antichi Allineamenti..
link Avatar, Na'vi E Nati..
link Dividere Con Gli Alt..
link Il Terzo Mondo?? L'a..
link La Caccia Al Conigli..
link I Nativi Americani D..
link I Nativi Per Capo Or..
link Altri Tentativi Di I..
link Poems For Renegades ..
link Pensiero Di Quasi Pr..
link The Wall Street Jour..
link Free Leonard 2005..
link L'europa Scoperta Da..
link pin Pe Obi Gu..
link Reggio: Presentazion..
link Lei Aveva Cavalli..
link Attacco Informatico...
link Uccello Nero..
link Little Big Horn Fini..
link Testimoni Della Stor..
link Obama Boccia L'oleod..
link Segnalazioni Con Le ..
link Mutandine Indian Sty..
link La Donna Buffalo Bia..
link Gli Improvvisi Trasf..
link I Rituali Lakota..
link Questa è Una Storia ..
link La Tribu' Di Nativi ..
link Usa: Accordo Con Ind..
link Guerra Batteriologic..
link Movimenti Indiani Di..
link Gli Apache - Parte I..
link Gara Con Il Bisonte(..
link La Più Grande Scultu..
link Il Teschio Di Geroni..
link La Narrazione Delle ..
link Un Cimitero Indiano ..
link I Popoli Indigeni Ri..
link Cortez The Killer..
link Il Culto Del Peyote..
link Motivo Di Pittura Pe..
link Indiani Immaginari E..
link Kokopelli (kokopilau..
link Un'intervista In Esi..
link Quei Rifiuti Radioat..
link La Straordinaria Mit..
link -il Canto Della Terr..
link Il Ruolo Di Chatto..
link Indiani Ricchissimi ..
link Come Nacque La Nebbi..
link Le Grandi Pianure (i..
link Resa Volontaria Di ..
link Un Colpo Di Vento..
link L'american Indian Mo..
link L'annuncio Delle Api..
link Non è Un Articolo Ma..
link Più Di 7 Milioni Di ..
link Diario..
link Il Presidente Obama ..
link Perche' La Talpa Vi..
link La Ruota Della Medic..
link Hanblecheya - Ricer..
link L'avvento Del Quinto..
link Matrimonio Hopi..
link Il Copricapo Di Penn..
link Il Mondo Visto Attra..
link Usa: Campagna Per Sa..
link Rubati Con Motoseghe..
link I Peli Di Alce..
link L´anima Degli Indian..
link Russell Means Sui Fa..
link Un'altra Importante ..
link Civilta' Perdute E R..
link La Creazione (lakota..
link Mostra Di Curtis - F..
link Come Il Corvo Divenn..
link Riserva Indiana All'..
link Badlands: Isole In U..
link Le Quattro Sacre Dir..
link Usi Dei Navajo..
link Il Palo Della Tortur..
link Un’antica Tribù Di N..
link I Cani Hanno Una Ele..
link Lettera Di Seathl, ..
link Il Riso D'acqua..
link Il Misterioso Buco D..
link La Danza Del Bisonte..
link I Maya Scomparvero P..
link Il Perdono E Il Rinn..
link I Pellirosse...
link Le Donne Indiane E L..
link L'olocausto American..
link Come Ottenne Il Fuoc..
link Le Sculture Di Doug ..
link Conferenza A Livorno..
link Insistente Come Il S..
link Sostegno Alle Vittim..
link Le Guerre Degli Indi..
link La Capanna Sudatoria..
link I Nativi D'america N..
link Totem Bight State Hi..
link Biocarburante Dalle ..
link L'uomo Che Esalava F..
link  Henry David Thoreau..
link Diventando Nostra Ma..

Pubblicata lunedì, 4 gennaio '10

Nel giugno e agosto del 1886 alcune tempeste erosero una considerevole parte della spiaggia di Galveston Island, in Texas. Quanto restava di un antico relitto venne alla luce e ritrovato. Il Galveston Daily News nell'edizione del 9 Luglio 1886 riportò che: «la sua poppa, o ciò che si suppone possa essere la sua poppa, è assemblata in maniera tale da contraddire ogni ragionevole supposizione che appartenesse ad un vascello risalente almeno al 16° secolo. Essa venne costruita con la più solida e massiccia quercia di almeno sei o sette pollici di spessore e i pezzi poggiavano a forma di croce l'uno sull' altro, assicurati con grossi chiodi di ferro , in maniera totalmente diversa dai dettami dell' attuale ingegneria navale». Quella nave certamente non era stata costruita dai nativi americani ed essendo molto antica lasciava irrisolti un'infinita serie di interrogativi. Interrogativi che hanno negli anni riportato a galla l'annosa questione di possibili contatti transoceanici tra l'America e il Vecchio Mondo in epoche di molto antecedenti la colonizzazione europea ad opera degli spagnoli. Di questa scoperta si è occupato il professor Valentine Belfiglio della Texas Woman's University, pluripremiato studioso. Belfiglio, è certo che il relitto sia quello di una nave romana sbarcata nelle Americhe intorno al IV secolo d.C. Il contatto sarebbe avvenuto accidentalmente, in quanto il mercantile sarebbe naufragato sulle coste del Texas trasportato dalle correnti oceaniche, forse durante un viaggio con destinazione Canarie. Negli anni il professor Belfiglio ha accumulato indizi probatori che non si limitano ai resti del natante ma che investono anche la linguistica, la numismatica e l'archeologia. Indizi che aiutano a costruire una tesi, quella degli antichi romani in Texas, oggi sempre più solida. Dunque, davvero l'equipaggio di una nave romana toccò terra per venire a contatto con una tribù oggi estinta' Belfiglio ne è certo e l'intervista che segue è la cronaca della sua interessante e inedita (in Italia) ricerca. Valentine Belfiglio: «Il ritrovamento di artefatti Romani datati prima del IV sec. d.C. e la somiglianza di molte parole della tribù nativa dei Karankawan con quelle latine offrono evidenze circostanziali dello sbarco di un gruppo di romani nel sud-est del Texas nel IV secolo». O.C.: Nel suo articolo "Circumstantial Evidence in Support of an Encounter Between Indian Texans and Ancient Romans" lei ha scritto che Caio Giulio Cesare nel De Bello Gallico, Libro III, descrisse una nave simile a quella naufragata a Galveston, ma Cesare si riferiva a una nave dei veneti non romana. Cosa ci può dire in proposito' V.B.: «Il mio scopo nel riportare la descrizione di una nave dei veneti fatta da Cesare è stato quello di dimostrare che i pragmatici romani adottarono le abilità tecniche di costruzione navale di altri popoli adattandole alle proprie navi commerciali e da guerra. Precedentemente la Prima Guerra Punica, i romani non avevano una tradizione marinara. Polibio ci dice che usarono una nave cartaginese tirata a riva come progetto per la costruzione di una flotta. Lo stesso Cesare comprese, nel corso della sua prima ricognizione in Britannia, che le sue navi erano inadeguate a navigare in alto mare. Egli ordinò una migliore versione delle galee che descrisse nella sua seconda campagna contro i britanni (De Bello Gallico). Le navi usate da Agrippa durante la battaglia di Azio nel 31 a.C. erano molto più evolute tecnicamente di quelle usate da Cesare. Anche le navi mercantili continuarono ad evolversi, diventando più robuste delle galee usate in battaglia. E' mia convinzione che i romani usarono disegni di navi dei veneti per effettuare e apportare migliorie nelle loro navi commerciali. A dimostrazione di ciò, potrebbe essere dilettevole leggere Luciano, Navigium,5-6. Verrete a sapere che la soluzione per trasportare grandi quantità di carico comportò l'uso di navi mercantili di stazza superiore al normale, a cominciare parzialmente intorno alla metà del II sec. d.C. Dal IV sec. d.C. le navi dei veneti furono lo stimolo per le successive evoluzioni di navi mercantili descritte da Luciano e altri tardi scrittori». O.C.: Barto Arnold del Texas Historical Commission ha affermato che la descrizione da Lei fatta della nave romana non gli, "suona" come tale. Il Dr. Fred Hocker del Nautical Archeological, Texas A&M afferma di non riconoscere la tecnica di costruzione della nave romana da Lei citata (anche se ammette che i vascelli romani erano capaci di navigare nell'Oceano.) V.B.: «Si riferivano alle galee romane che furono il più comune mezzo di trasporto navale. Questo tipo di nave era idoneo a navigare nel Mediterraneo dove le tempeste sono relativamente miti. Un adattamento del modello di nave dei Veneti sarebbe stato molto più indicato per affrontare gli infidi mari oltre lo Stretto di Gibilterra. Ecco perché le navi di questa tribù celtica furono scrupolosamente descritte nel De Bello Gallico. Ricordi che i costruttori navali romani ebbero più di 300 anni dopo l'era di Cesare per ridisegnare e sperimentare i vascelli dei Veneti prima del probabile e non registrato viaggio verso il Texas». O.C.: Questi romani sbarcarono in Texas a seguito di un tragico naufragio o avevano il Texas nei loro itinerari marittimi' V.B.: «I romani erano pratici iniziarono a navigare per due scopi principali. Il primo fu quello di trasporto truppe o per battaglie navali. Il secondo era di natura commerciale. Studi condotti da Cary e Warmington (1929) provano che dal 200 d.C. i marinai romani attraversarono lo Stretto di Gibilterra e visitarono le Isole Canarie (Canaria) e Madeira (Purpuriarae). Una nave romana potrebbe aver attraversato lo Stretto ed essere portata fuori rotta dalle correnti Nord e Sud Equatoriali delle Canarie fino alle coste del Golfo del Texas. Niente nelle mie ricerche indica che i romani avevano il Texas nei loro itinerari. Devono essere stati sbattuti fuori rotta da una violenta tempesta e trasportati dalle predette correnti equatoriali fino al Golfo del Messico. Il relitto della nave ritrovato nell'isola di Galveston assomiglia molto più ad una nave mercantile piuttosto che ad una galea da guerra, O.C.: L'equipaggio di una nave mercantile romana era composto da greci, fenici, egiziani, ecc., ben pochi dovevano essere i romani a bordo della nave naufragata a Galveston. V.B.: «Le fonti che ho consultato non mi hanno dato indicazione circa la nazionalità dell'equipaggio. Nel IV sec. d.C. la Grecia, la Fenicia e l'Egitto erano Province dell'impero e quindi l'equipaggio potrebbe essere stato composto da cittadini romani o sudditi dell'impero a prescindere dalla loro nazionalità. Ricordiamoci che due tra i più grandi imperatori Romani, Traiano e Adriano, nacquero in una Spagna completamente romanizzata». O.C.: Nell'isola di Galveston vennero anche scoperte travi di legno di un ponte apparentemente molto antico. Può essere ingegneria romana' V.B.: «Nel 1915 durante dei lavori nell'Isola di Galveston alcuni operai scoprirono pesanti travi di legno di un ponte nella zona centro-nord dell'isola. Queste travi erano piantate lì da tanto tempo che la terra si era accumulata su di esse di almeno di 4 metri e mezzo. Questo potrebbe far risalire la costruzione del ponte ad un periodo antico. Gli indiani Karankawas, che vivevano nell'area, non avevano la necessaria abilità tecnologica per costruire una simile struttura, ma i proprio i romani potrebbero aver costruito questo ponte in quel punto». O.C.: Per quale motivo lo avrebbero fatto' V.B.: «E' impossibile stabilire perchè i Romani costruirono questo ponte. Posso ipotizzare che essi intendessero attraversare uno dei molti canali che si trovano sull'isola, nello specifico quello tra Galveston Island e Pelican Island, ma, ripeto, non ci può essere nessuna certezza circa le loro intenzioni». O.C.: Ci parli ora dell'incontro tra i Romani e gli indiani Karankawa. V.B.: «I Karankawa vivevano nella striscia di isole lungo la costa del Texas orientale a ovest di Matagorda Baye nella terraferma di fronte ad esse. E' probabile che i romani li incontrarono nelle vicinanze o forse durante una battuta di caccia che gli stessi indiani intraprendevano lontano dal loro territorio. L'isola di San Josè (St. Joseph) era una delle isole dove i Karankawa vivevano e appare logico supporre che i superstiti dal naufragio, stranieri in terra straniera, cercarono aiuto e una guida dai soli nativi incontrati, seguendoli fino alla predetta isola. Le fonti da me consultate non mi hanno dato indicazioni circa la natura pacifica o meno dell'incontro tra i romani e i Karankawan. Tuttavia, esaminando le relazioni pervenute sugli incontri tra i nativi americani e gli europei durante le spedizioni di Cristoforo Colombo, si evidenzia un iniziale reazione di reciproco stupore da parte di entrambi e una successiva collaborazione spesso sfociata in un progressivo peggioramento dei rapporti. Credo che ciò possa essere accaduto anche nell'incontro tra romani e Karankawan anche perchè, se sono nel giusto, i resti della nave mercantile implica il fatto che i naufraghi erano mercanti e non guerrieri. Posso ipotizzare un iniziale reciproco scambio di doni e successivi "matrimoni" misti giacché le similarità scoperte tra il latino e la lingua dei Karankawan dimostrano inequivocabilmente una forte interazione culturale». O.C.: Nell'articolo pubblicato su South Texas Studies afferma che un gruppo di romani potrebbe aver navigato dall'isola di St. Joseph verso Matagorda Bay e risalito il fiume Colorado a bordo di barche o a piedi fino a un punto vicino l'attuale Round Rock. Un altro gruppo potrebbe aver risalito il fiume Thinità da Galveston Bay fino a nord dell'attuale Houston' Quale fu la loro sorte' V.B.: «Possiamo solo supporre che volessero cercare un posto migliore per stabilire una colonia permanente o siano partiti alla ricerca di qualche vena d'oro e altre ricchezze o cercassero il contatto con altri popoli più civilizzati dei Karankawa. Quale fu la sorta di questi avventurosi esploratori' E' difficile stabilirlo anche alla luce dei pericoli che sicuramente dovettero affrontare: tribù ostili, animali feroci e altre insidie naturali di un territorio a loro del tutto sconosciuto. Mi sembra molto più logico ipotizzare che la gran parte dei Romani rimase con i Karankawa della costa, unendosi con donne della tribù». O.C.: Ho letto che i Karankawa, oggi estinti, erano fisicamente differenti dalle altre tribù. Potrebbe essere il risultato di unioni tra le donne di questa tribù e i Romani di Galveston' V.B.: «In una lettera datata 30 ottobre 1888, Alice W Oliver descrive i Karamkawa come un mix di caratteristiche somatiche amerinde e caucasiche. La Signora Oliver visse in un insediamento di questi indiani per molti anni dal 1838, e scrisse che "gli uomini erano molto alti, magnificamente formati fisicamente. Non avevano una carnagione molto scura e molti di loro avevano lineamenti delicati e, senza eccezione, splendidi denti. La descrizione contrasta abbastanza quella di altre tribù indiane che vivevano nel Texas come i Comanches, Apaches, ecc. Credo che gli antenati della gente descritta dalla Signora Oliver nel 1838 erano di sangue misto Indiano e Romano». O.C.: Ci parli delle si milarità tra il Latino e la lingua dei Karankawa. V.B.: «Molte parole karankawan e latine sono piuttosto simili. I Karankawas potrebbero essere stati introdotti al latino o al Vulgaris, poiché credo che pochi marinai romani conoscessero il latino classico. Come la lingue italiana, spagnola, portoghese e romena derivano dal latino così anche quella dei Karankawa potrebbe averne subito gli influssi per poter permettere a questi indiani e ai romani di poter comunicare l'uno con l'altro. I Karankawan vennero linguisticamente associati alle tribù confinanti del Texas meridionale, a loro volta associate, sempre linguisticamente, a lingue neolatine. La tabella che invio offre una selezione di dieci parole Karankawa simili nel significato o nella pronuncia al latino e deriva dai miei studi sulla similarità delle due lingue. Da considerare ciò che viene descritto, nel 1740, da Santa Ana a proposito delle lingue Indiane presenti nelle cinque missioni del Collegio de la Santa Cruz che si affacciava sul fiume San Antonio: "Ci sono quattro lingue che sono le più comuni. Per comporre la lingua di questo più grande gruppo è necessario articolare l'alfabeto alla maniera degli Italiani... Essa è ampia e bella ed è interamente pronunciabile con lo stesso accento degli Spagnoli. Santa Ana qui fa una comparazione tra la lingua Karankawa e le lingue neolatine». O.C.: E' possibile che questa similarità derivi dall'incontro e dalla successiva interazione che i Karankawa ebbero con gli spagnoli di Cabeza de Vaca naufragati sull'Isola di Galveston nel XVI sec. e ''ufficialmente" accreditati come i primi europei ad aver avuto dei contatti con questi Indiani' V.B.: «La similarità tra le lingue neolattine e quella dei Karankawa venne riscontrata già dai primi esploratori spagnoli, perciò è probabile che l'influenza latina era precedente all'arrivo di Cabeza de Vaca. I primi esploratori spagnoli dovrebbero aver notarono una risonanza tra il latino e il karankawa, prima dell'insegnamento dello spagnolo ai nativi». O.C.: Nell'articolo pubblicato sul South Texas Studies ha scritto che due divinità dei Karankawas, Mel e Pichini potrebbero corrispondere agli dei romani Picumnus e Pilumnus. V.B.: «Sia i Karankawan che i Romani erano politeisti. Come nel caso di Picumnus e Pilumnus, Mel e Pichini furono spiriti della fertilità e dei raccolti. In materia di religione, i Romani come i Karankawan credevano nel soprannaturale, identificato dai Romani nei Numi e dai Karankawan nei Haijah. Per i romani la Luna rappresentava Diana, la dea della caccia e sembra che i Karankawan condividessero questa visione. Sia i Romani che i Karankawa attribuirono qualità spirituali alla Luna. Il riferimento alla caccia è evidente poiché il concetto di "luna del cacciatore" (la luna piena dopo la luna del raccolto) esiste tutt'ora». O.C.: Può parlarmi della moneta romane di St. Joseph Island' V.B.: «Nell'Agosto e Settembre 1993, con tre altre persone, il linguista Ellie Kamron e gli studenti Kevin and Andy Navid, esplorammo l'isola di St. Joseph alla ricerca di artefatti romani. Le tre persone che mi accompagnarono erano interessate al mio progetto. Nel rapporto della spedizione; datato 10 settembre 1993, che inviai a J. Barto Arnold III, dello State Marine Archeologist State of Texas, si legge: "Un'autentica moneta romana venne dissotterrata a 8 pollici sotto la superficie, 25 piedi dalla riva, sulla spiaggia di fronte al Golfo del Messico nella zona sud-est dell'isola. La scoperta venne fatta il 5 settembre del 1993 alle ore 10.35 da Kamron che identificò la lingua dell' iscrizione sulla moneta come latino. La somiglianza e l'iscrizione stessa indicano che venne coniata durata il regno di Traiano (AD. 98-117). La moneta sembra essere d'argento"». O.C.: La moneta è stata autentificata' V.B.: «Sì. L'ho identificata come autentica. Essendo stata trovata ad una certa profondità posso ipotizzare che si trovasse là da molto tempo. La moneta recava l'effige di Traiano e quindi fu coniata tra il 98 e il 17 d.C. ma non so se avesse ancora corso legale all'epoca del naufragio. Tuttavia, era d'argento e ciò potrebbe averla resa preziosa nel corso della storia dell'Impero. Ora è al sicuro in una cassetta di sicurezza della mia banca. Un'altra moneta, un follis, fu scoperta, da un certo Duckworth, intorno al 1970 nelle dune sabbiose difronte all'Oceano. Coniata nel 270-73 d.C. nella Gallia meridionale reca l'effige di Tetricus II » O.C.: Esiste un'altra moneta romana trovata in un mound indiano, vicino la città di Round Rock, nel Texas, giusto' V.B.: «Sì. La scoperta è avvenuta nel 1964 ed è particolarmente importante. Si tratta di una moneta romana, coniata tra il 313 e il 314 d.C., ritrovata un metro circa sotto la superficie di un fino ad allora intatto mound indiano, datato all'incirca 800 d.C., accanto ai resti di un nativo americano. Il terreno dell'area attorno al sito è roccioso, gli oggetti metallici non affondano profondamente nel suolo perfino dopo molti anni e i roditori non scavano in profondità per la presenza di roccia, perciò la moneta deve essere stata intenzionalmente o accidentalmente sepolta nel mound durante il periodo pre-colombiano. Le antiche popolazioni indiane del Texas costruirono queste colline sopra una sepoltura. La zona comprendente l'odierna città di Round Rock era situata nell'area di caccia e pesca dei Karankawa. Il Dallas Morning News si occupò della scoperta nel dicembre del 1976 con due articoli. In uno viene riportata la descrizione della moneta fatta dal prof Epstein: 'il reperto che ha le dimensioni di una moneta d'argento da dieci centesimi di dollaro, mostra l'effige di un giovane imperatore che indossa una corona d'alloro, una corazza e un mantello. Le iscrizioni si riferiscono all'Imperatore Costantino e al suo figlio Augusto e all'invincibile Sole compagno dell'Imeratore' O.C.: C'è l'assoluta certezza che il ritrovamento di questa moneta romana non sia uno scherzo' V.B.: «La certezza proviene da un eminente antropologo, Jeremiah F. Epstein. Vi è una fonte meno certa, ma che supporta la scoperta, da parte di Patsy Watkins » O.C.: Un articolo di Jeremiah Epstein su Current Anthropology affermava che la moneta romana fu lasciata sulla superficie del mound in tempi post-colombiani e franò all'interno per l'azione di roditori e radici di alberi. Lei, afferma però il contrario. V.B.: «La discussione riguardo l'articolo di Epstein fa ovviamente parte del lavoro stesso. Ho visitato il sito di Round Rock, in quanto mi posi le sue stesse domande. Il suolo attorno al sito in questione è realmente estremamente roccioso. La moneta, quindi, deve essere stata intenzionalmente o accidentalmente deposta nel mound in epoca pre-Colombiana e coloro che la pensano diversamente potrebbero non aver mai visitato il sito. Fu dopo aver letto l'articolo di Epstein, pubblicato nel 1980, che mi venne in mente di iniziare il mio lavoro di ricerca effettuando spedizioni condotte nel 1992 e 1993. Lei ed io siamo perfettamente consci delle difficoltà di portare alla luce accurate e attendibili prove di ricostruzione di eventi storici e tutte le nuove innovazioni storiche sono soggette a scetticismo e alla sfida. È stato e sempre sarà così. Il mio compito è quello di esplorare e trarre conclusioni sull'accaduto». O.C.: Dunque i romani conoscevano l'esistenza del continente americano' «La mia ricerca non è finalizzata alla conoscenza o meno dell'America da parte dei Romani. La mia supposizione è che la nave mercantile romana fu spinta fuori rotta da una tempesta, arrivando nel sud-est del Texas». O.C.: Qual'è l'opinione degli studiosi americani circa la sua teoria' V.B.: «Non ho avuto molte reazioni dagli studiosi americani. Molti di loro sono indifferenti al mio lavoro, non hanno abbastanza conoscenza o coraggio per mettere in dubbio le mie conclusioni. Ecco perché è importante per me veder pubblicato il mio lavoro in Italia così che un sincero, significativo confronto possa aver luogo» . Non è la prima volta, e non sarà certamente l'ultima, che si parla di tracce lasciate da antichi romani sul suolo americano in epoche pre-colombiane. Nel caso specifico, come abbiamo visto si tratterebbe "soltanto" del naufragio di una nave proveniente da una zona dell'Impero Romano e non la tragica fine di un volontario contatto transoceanico, come ha precisato il prof. Belfiglio. Le prove che porta a conforto della sua tesi non hanno trovato credito tra gli studiosi "ortodossi" e ciò non meraviglia affatto essendo tale reazione quasi da copione per ciò che concerne situazioni fuori dagli schemi ufficiali della storia. Il Prof. Belfiglio non è "un dilettante allo sbaraglio" svegliatosi la mattina con in testa la bizzarra idea di dimostrare la presenza di naufraghi romani sulle coste sud-orientali del Texas, ma un serio studioso, in possesso di una dignità professionale di tutto rispetto che, certamente, non avrebbe mai messo a repentaglio se non sicuro di proporre una teoria che egli stesso, umilmente, vorrebbe confrontare in special modo con chi rifiuta a priori ogni dialogo considerando assurdo quanto affermato dal loro collega. Ma è così assurdo quanto acclarato dal professore italo-americano' Esaminando i documenti portati da Belfiglio a corredo dell'intervista, si possono notare delle assonanze di interpretazione della vicenda che depongono a suo favore. Il prof. Epstein non esclude affatto che una nave romana possa essere naufragata sulle coste texane con un carico di monete, e possa essere stata abbandonata dal suo equipaggio con un susseguente commercio di quegli strani oggetti rotondi da parte dei nativi indiani. Orbene, che cosa afferma il prof. Belfiglio se non la possibilità che una nave romana portata fuori rotta da una tempesta sia naufragata sulle coste texane' . Fonte: srs di Osvaldo Carigi da Hera


COMMENTI

  PIZZATI
mercoledì, 2 novembre '11
See 'The Four Surveyors' in Google books.
  Pizzati
venerdì, 26 ottobre '12
   
  Admin
venerdì, 26 ottobre '12
Mai Niente è come sembra.
Ho fatto la ricerca come ha indicato e presumo, quindi, che Lei sia il Sig. Giulio Pizzati autore dei due libri menzionati (Render unto caesar e The Four Surveyors). Le sarei grato di fornire una "sintesi" dei due suddetti e capire il legame con l'articolo estrapolato dal blog Laveja.blogspot.com. Mi può contattare al mio ind. e-mail del sito (info at indianiamericani punto it )

Valid XHTML 1.0 Transitional